• Text Size
  • Contrast

Crédit Agricole apre le porte agli studenti delle scuole medie classificate in zone di istruzione prioritaria

Nel 2019, il Gruppo ha accolto in Francia 750 stagisti delle scuole medie classificate in zone Rep*, Rep + e rurali. L’obiettivo? Accompagnare l’inserimento dei giovani attraverso l’istruzione, la formazione e l’accompagnamento verso il mondo del lavoro. Questo traguardo fa eco ai valori e agli impegni di Crédit Agricole in materia di diversità, parità di genere, inserimento e rapporti sociali nei territori. 

Il progetto di accoglienza di nuovi stagisti per la campagna 2020-2021 è confermato.

Le società del gruppo Crédit Agricole S.A. e di LCL si mobilitano

Nel 2019, 300 studenti dell’ultimo anno delle scuole medie, provenienti da istituti classificati REP+/REP, hanno effettuato uno stage di osservazione nella regione dell’Ile-de-France all’interno di società del gruppo Crédit Agricole S.A. e di agenzie LCL.

Gli stage sono durati 7 settimane piene, in ognuna delle quali sono stati organizzati 5 laboratori adatti agli studenti per prepararli al mondo del lavoro. In programma: laboratorio sulle discriminazione nel mondo del lavoro, escape game sul tema della banca, test sui nuovi mezzi di pagamento (anelli, chip ecc.), aiuto alla creazione di profili su LinkedIn, simulazione di colloqui con selezionatori, programmazione di un robot, visita alla stanza dei bancomat ecc. L’elaborazione dei vari programmi è stata condotta dalle entità, in collaborazione con le associazioni “ViensVoirMonTaf” e “Un Stage Et Après”, per far comprendere in modo ludico e didattico la varietà dei profili professionali proposti dal gruppo Crédit Agricole S.A.
Questi programmi su misura, che prevedono momenti collettivi, ma anche momenti individuali con il tutor, hanno conquistato gli studenti, entusiasti dell’accoglienza e dell’impegno dei collaboratori: “Quello che mi è piaciuto di più è il fatto che i nostri tutor si sono dati da fare per tutta la settimana per darci il maggior numero di informazioni possibili” – Jennifer, scuola media Joliot-Curie, a Bagneux. Questo entusiasmo è inoltre condiviso dai tutor, che sperano di ripetere l’esperienza nel 2020: “L’alternanza nella giornata dello stagista è l’ideale per la gestione della pianificazione delle attività del tutor e la comprensione generale del ruolo e delle attività di una banca” – Marie, Crédit Agricole SA.

Nel 2020, per rispondere alle sfide della crisi sanitaria, il Gruppo ha attivato, sempre grazie alla collaborazione con le associazioni VVMT e USEA, un accompagnamento a distanza per permettere agli studenti accolti nel 2019 di usufruire di un tutoraggio personalizzato e mirato sui compiti e l’orientamento.

Il progetto di accoglienza di nuovi stagisti nel secondo semestre 2020 è confermato. Le modalità di accoglienza sono attualmente in via di elaborazione, insieme con le associazioni, gli organismi di coordinamento nazionale e il ministero dell’Istruzione, per offrire a studenti e tutor la migliore esperienza possibile compatibilmente con le misure sanitarie legate al Covid.

 

Ci sono anche le Casse regionali!

“Mi è piaciuto molto lo stage, se mi propongono di restare, dico di sì!” Sono le parole di Rose, studentessa dell’ultimo anno delle scuole medie, che alla fine del 2019 ha svolto uno stage a tempo pieno di cinque giorni presso la Cassa regionale Champagne-Borgogna. Un entusiasmo condiviso da molti studenti ospitati lo scorso anno dalle Casse regionali nell’ambito della prima edizione di un programma lanciato dallo Stato a favore delle scuole medie classificate in zone Rep, Rep + e rurali.

Per rispondere a questa sfida stimolante e coinvolgente, le Casse regionali hanno concepito dei programmi ad hoc, su misura per gli stagisti, dando prova di originalità e proponendo contenuti fuori dagli schemi: escape game, quiz sul digitale, workshop sulla redazione del CV e un gioco sulla gestione del budget... Alcune hanno lavorato in partnership con l’associazione “Tous en stage” e hanno quindi potuto co-organizzare un’accoglienza condivisa con altre tre imprese attive in altri settori per ampliare il campo delle esperienze. Così, alla conclusione di questo anno scolastico anomalo, 476 ragazzi sono stati affiancati da collaboratori delle Casse regionali, motivati da questa sfida, orgogliosi d’incarnare i valori del Gruppo e felici di poter trasmettere la varietà delle attività svolte all’interno della banca.

Alla vigilia della seconda campagna (2020/2021), le Casse regionali si sono prefissate un obiettivo: ricevere almeno lo stesso numero di stagisti.

Con questa iniziativa, il Gruppo afferma la propria responsabilità come datore di lavoro territoriale, creando legami, rendendosi utile localmente e coinvolgendo i collaboratori in azioni associative.

 

--------------

Associazione “Des territoires aux grandes écoles”: agire per le pari opportunità e lo sviluppo del territorio

La Federazione Nazionale di Crédit Agricole ha recentemente siglato una partnership con l’associazione “Des territoires aux grandes écoles” [Dai territori alle grandi scuole] per accompagnare i giovani delle aree rurali, rafforzando nel contempo il legame con il territorio.

Questa associazione è nata nei Paesi Baschi nel 2013 per volontà di Bixente Etcheçaharreta, amareggiata nel vedere “troppi pochi liceali [provenienti dalle aree rurali] intraprendere gli studi superiori per mancanza d’informazioni, per autoesclusione, a causa delle loro origini rurali o modeste, oppure per mancanza di mezzi finanziari”. Oggi, “Du Pays Basque aux grandes écoles” riunisce studenti e laureati, rafforza la parità di opportunità, rinsalda i legami con il territorio. La Fondazione di Crédit Agricole Pirenei-Guascogna sostiene l’associazione, come anche la sua gemella bearnese.
L’iniziativa si è estesa e nel 2017 è stato istituito un coordinamento nazionale, “Des territoires aux grandes écoles”, che raggruppa 21 strutture locali con 508 aderenti (studenti, quadri o imprenditori, giovani laureati e insegnanti) e 50 licei convenzionati, che hanno erogato 114.000 euro di borse di studio.

Impegnate da lungo tempo a favore dell’inclusione dei giovani e con l’ambizione forte di promuovere l’uguaglianza di tutti e di tutte le estrazioni, le Casse regionali agiscono sul territorio, in collaborazione con le scuole e le associazioni d’inserimento. Grazie a questa nuova collaborazione, le Casse rafforzano il loro impegno: da un lato, sostenendo lo sviluppo della struttura su tutto il territorio, dall’altro, favorendo la creazione di rapporti locali per condurre azioni concrete, come organizzare università estive, proporre stage e visite alle imprese o assegnare borse di studio. Un esempio che illustra la ragion d’essere e i valori mutualistici delle Casse regionali.

 

 

 

 

Follow info