• Text Size
  • Contrast

Investire, sviluppare: la responsabilità nella prossimità

Interview with Dominique Lefebvre, Chairman of FNCA and Crédit Agricole S.A., and Raphaël Appert, First Deputy Chairman of FNCA and Deputy Chairman of Crédit Agricole S.A.

Il 10 dicembre le Casse regionali hanno presentato ad Angers gli obiettivi per i prossimi dieci anni. Che rapporto c’è con il Progetto di Gruppo?
La storia comincia alla fine del 2018 con una riflessione collettiva dei dirigenti sulle linee strategiche a lungo termine del Gruppo, che hanno successivamente condotto all’affermazione della nostra ragion d’essere (Agire ogni giorno nell’interesse dei nostri clienti e della società), del Progetto di Gruppo e degli obiettivi a 10 anni delle Casse regionali.

Questi obiettivi a 10 anni sono dunque strutturalmente molto coerenti e articolati con il Progetto di Gruppo e i tre progetti associati ormai ben noti: cliente, persone e sociale! Con questi obiettivi, le Casse regionali rendono noti gli impegni assunti per i prossimi dieci anni con la prospettiva di liberare il pieno potenziale del nostro modello di banca regionale a tutti gli effetti, un modello costituito da 39 banche regionali che uniscono autonomia e comunanza di destini, facendo leva sulle forti competenze del Gruppo. 

 

Quali sono questi obiettivi a lungo termine?

Il nostro gruppo di 39 Casse regionali è molto efficiente e ha elaborato un modello particolarmente efficace: performance finanziaria, quote di mercato, solvibilità e gestione dei rischi, miglioramento della soddisfazione del cliente, longevità. Questo non si ottiene dal nulla, è innanzitutto una storia di donne e di uomini, di imprenditori che ci hanno messo del loro. Oggi ci caliamo pienamente in questa dimensione umana nell’ottica di prolungarla. La nostra ambizione è di costruire imprese vocate all’innovazione e al cambiamento, al servizio dei clienti e della prossimità, che valorizzino collaboratori impegnati e manager imprenditori.

Dare un senso, promuovere l’autonomia e la responsabilità di tutti gli operatori: è questo che ci farà avere successo domani. 

 

In che cosa consiste questa strategia?

Il fulcro del nostro progetto in due parole: investire e sviluppare. Sulle persone, sull’organizzazione e sulla tecnologia. Partiamo lanciati: le Casse regionali hanno investito 2 miliardi negli ultimi 3 anni per trasformare le agenzie e le sedi delle Casse regionali, nonché i dispositivi innovativi, come i Villages by CA.

Noi mettiamo il Progetto persone al centro delle nostre ambizioni. La nostra prima azione sarà il rafforzamento della responsabilità personale nella relazione con il cliente, con l’obiettivo del 90% di decisioni prese in autonomia ponendoci il più possibile vicino ai clienti.
Continueremo a investire circa 4 mld di euro all’anno nei sistemi informatici e digitali.

Infine, investiremo nelle linee di business, con l’ambizione di essere leader nella protezione delle donne e degli uomini dei nostri territori, diventando il primo assicuratore nel ramo danni e nella responsabilità civile entro il 2030. Con ambizioni forti anche in ambito immobiliare e nei settori dei professionisti, delle imprese e dei servizi bancari di base. Infine, con l’ambizione d’investire in nuovi ambiti come l’economia funzionale, lo sviluppo dei servizi basati sui dati o l’attività di terzo di fiducia digitale o, ancora, facendo della costruzione di legami un’attività al servizio della vitalità dei territori.

È una strategia di sviluppo che amplifica i caratteri differenzianti del nostro modello. È fondata sull’ampia diffusione del Progetto cliente, delle ambizioni di rottura nelle nostre leve di sviluppo e sul rafforzamento dell’impronta delle nostre imprese cooperative nell’economia locale. 

 

Come misurare la concretizzazione di queste ambizioni?

Utilizziamo cinque indicatori strategici che permetteranno di verificare i progressi.

Vogliamo essere la banca preferita da tutti i clienti, la 1a nell’IRC.

Saremo anche i primi per acquisizioni nette complessive di rapporti principali.

Vogliamo essere il datore di lavoro preferito dai francesi nel campo dei servizi finanziari, il 1o nell’ERI.

Vogliamo essere riconosciuti per le nostre azioni nelle sfide sociali a livello del territorio e stiamo elaborando un indice d’impegno sociale.

Infine, confermiamo la nostra solidità finanziaria, con un indice Common Equity Tier 1 rispondente ai requisiti normativi.
  

Follow info